top of page

Studio Dott. Marcin Pikie - Diferion Micromed Vet

Il Film lacrimale è una pellicola che ricopre la superficie corneo-congiuntivale e costituisce l'interfaccia tra l'occhio e l'ambiente esterno.

È costituito da tre strati; rispettivamente: lipidico, acquoso e mucoso.

Lo strato più largo è lo strato acquoso (circa 7 μm). Oltre all'acqua contiene elettroliti, glucosio, urea, polimeri tensioattivi e proteine.

In questo strato troviamo: anticorpi, globuline, lisozima, lattoferrina, che supportano la funzione antibatterica delle lacrime.

Esso è prodotto dalle ghiandole lacrimali delle orbite e della terza palpebra. Lo strato più sottile del film lacrimale costituisce lo strato lipidico esterno che ha uno spessore di circa 0,1 μm. La secrezione liquida, calda e grassa, viene trasportata nel Meibomio.

Il ruolo dello strato lipidico è quello di evitare un'eccessiva evaporazione dello strato acquoso delle lacrime. Supporta inoltre la diffusione delle lacrime

sulla superficie corneale. Lo strato direttamente adiacente all'epitelio della cornea è lo strato mucoso.

La secrezione di glicoproteina è prodotta dalle cellule caliciformi della congiuntiva; la maggior parte di esse si trovano nella parte inferiore.

Mantiene lo strato acquoso aderente all'epitelio della cornea che è idrorepellente.

Il muco contiene globuline e lisozima ed è anche una “trappola” per i batteri.


È presente anche muco idrosolubile, che contribuisce alla stabilità del film lacrimale.

Le palpebre sono una parte molto importante per la lubrificazione degli occhi.

La loro forma corretta e la loro inalterata mobilità intatta sono indispensabili per il corretto funzionamento degli occhi.

Le palpebre distribuiscono le lacrime sulla superficie della cornea e contribuiscono alla rimozione della contaminazione.

Nella fase del sonno proteggono gli occhi dalla disidratazione.

Quale cosiddetta “pompa palpebrale” contribuiscono anche all'eliminazione attiva delle lacrime in eccesso quando vengono sbattute: le palpebre si chiudono e le lacrime vengono rilasciate dal sacco congiuntivale nei condotti lacrimali e poi nel dotto nasolacrimale “pompato”.



Cane

KCS (cheratocongiuntivite secca) entropion in un cane “prosciugato”. Escrezione anomala all'interno della zona degli occhi

Posizione delle palpebre anomala

Infiammazione cronica della cornea





Cane

KCS neurogenica: Assenza di lacrime nel sacco legante, cronico Infiammazione della cornea e pelle screpolata dello specchio nasale




Cause della sottoproduzione lacrimale:

La sindrome dell'occhio secco può essere il risultato di difetti di sviluppo nei cani giovani. Il sottosviluppo delle ghiandole lacrimali (Yorkshire Terrier) porta a disfunzioni oculari.

La maggior parte dei ricercatori ritiene che la causa più comune della sindrome sia un processo immunologico dell'occhio secco DED (Dry Eye Disease): infiammazione linfocitaria-plasmocitaria della ghiandola lacrimale.

I mediatori dell'infiammazione hanno un effetto tossico sulle cellule escretrici della ghiandola, provocando la riduzione della produzione lacrimale.

Un'altra causa della KCS è il danno al nervo trigemino e al nervo facciale: un sintomo tipico

La forma neurogena della KCS è che il disturbo si presenta unilaterale, cioè solo un occhio è affetto dalla malattia.

Contemporaneamente ai sintomi nell'occhio, nella narice (sul lato dell'occhio) appare una secrezione secca: occhio malato e significativa secchezza del naso.

La forma neurogena della KCS può essere associata a disturbi del metabolismo (diabete) e a disturbi ormonali (ipotiroidismo, sindrome di Cushing).

Un’infezione può anche essere la causa di una sottoproduzione temporanea o permanente di lacrime.

Sintomi di DED sono stati documentati anche durante il cimurro e la leishmaniosi.

Non bisogna dimenticare le misure terapeutiche come motivo della KCS, ad esempio la rimozione della ghiandola lacrimale della 3a palpebra o una ricollocazione della ghiandola effettuata troppo tardi. Anche alcuni farmaci possono ridurre la produzione lacrimale.

Ciò include anche i medicinali somministrati durante la procedura di anestesia.

I sulfamidici possono contribuire a ridurre lo strato acquoso del film lacrimale, soprattutto se utilizzati nella terapia a lungo termine.





KCS in un cane - Escrezione densa nell'angolo dell'occhio Infiammazione cronica della cornea








KCS in un gatto - è possibile osservare un'infiammazione cronica della cornea







Come si riconosce la KCS?

La diagnosi può essere fatta solo dopo un esame oftalmologico eseguito correttamente.

Un'anamnesi dettagliata (durata dei sintomi, loro intensità, fluttuazioni, altre malattie) può fornire importanti informazioni.

Dopo un esame fatto a luce normale è possibile determinare se un occhio o entrambi presentano arrossamenti, e se il rossore è il risultato di una malattia. Preliminarmente si può valutare se esiste una diffusione dei vasi congiuntivali o una malattia del bulbo oculare che ha causato arrossamento.

Di norma, gli esami aggiuntivi vengono eseguiti solo dopo l'esame clinico, ma ne vale sicuramente la pena.

La mia esperienza dimostra come quanto detto sopra sia vero, sebbene molte pubblicazioni affermino come questo valore sia normale.

Si possono individuare altre cause di congestione della congiuntiva e un integratore lacrimale può risolvere o migliorare la situazione: in questo caso la diagnosi di “relativa mancanza di liquido lacrimale” risulta corretta.

Una lubrificazione inadeguata degli occhi peggiora i sintomi, soprattutto negli ambienti caldi e secchi e nelle zone gelide durante giornate ventose.

Per i gatti questo può accadere in autunno e inverno, quando negli ambienti abitativi è attivo il riscaldamento.

Se il risultato del test di Schirmer è inferiore a 10, si può presumere che si tratti della sindrome dell'occhio secco (DED).

Il risultato inferiore a 5 mm al minuto indica una produzione dello strato acquoso molto bassa o addirittura

che non si crei alcuno strato acquoso nel film lacrimale.

Questa situazione riguarda l'una mancanza quantitativa di lacrime.

La sindrome dell'occhio secco presenta una serie di sintomi che hanno un carattere primario ed uno secondario.

Di norma la lubrificazione oculare insufficiente è responsabile dei cambiamenti nell'occhio.

La congiuntiva e l'infiammazione corneale è stata descritta in molte pubblicazioni contenenti cambiamenti, diagnosi e trattamento.

Poiché la disidratazione della congiuntiva e della cornea porta a complicazioni, il primo passo è utilizzare sostituti lacrimali misura terapeutica.

Attualmente esiste una vasta gamma di prodotti sui mercati nazionali ed esteri per

integrare efficacemente l’insufficienza lacrimale.

L'acqua contiene anche acido ialuronico, che è un componente naturale del tessuto animale. L'acido ialuronico lega l'acqua, un'altra proprietà dell'acido ialuronico è quella di stabilizzare il film lacrimale sull'epitelio della cornea partecipando alla riproduzione dello

strato mucoso.

I produttori di integratori lacrimali utilizzano anche le seguenti sostanze: Povidone,

Pantoteina, Ioni d'argento, Estratti vegetali ed altrio. Un'ampia selezione di "lacrime artificiali" ti consente di scegliere il prodotto ottimale per ogni animale domestico.

Mi è stato evidenziato il prodotto DIFERION Micromed-Vet.

DIFERION è un moderno preparato per la sostituzione lacrimale che, oltre all'acqua, contiene anche acido ialuronico, argento colloidale ed eufrasia.

L'argento colloidale contenuto nel preparato DIFERION combatte i microrganismi che causano complicanze nell'organismo

L'eufrasia comune (Euphrasia) contiene molte sostanze antinfiammatorie, anallergiche e antibatteriche.

DIFERION può essere utilizzato anche a scopo preventivo: protegge efficacemente la cornea prima e durante l'anestesia.

Somministrato da 2 a 3 volte al giorno, integra efficacemente anche la carenza lacrimale avanzata.

DIFERION è un coadiuvante nel trattamento di base di tutti i tipi di congiuntivite e infiammazione della cornea.

Per mesi ho avuto l'opportunità di utilizzare DIFERION nella mia pratica e ne sono fermamente convinto.

Questo prodotto è una buona alternativa ai sostituti lacrimali registrati per il trattamento umano.

Ed è assai apprezzato anche dai proprietari di animali domestici.


Autore: Dott. sc.vet. Marcin Pikie


É vietata la riproduzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.


51 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Commenti


bottom of page